Il Re santo Yudhishthira Maharaja disse: “Oh Keshava, qual’è il nome di quella Ekadasi che si verifica durante la quindicina chiara del mese di Ashadha (Giugno-Luglio)? Chi è la Divinità da adorare in questo giorno di buon auspicio e qual’è il processo per l’osservazione di questo evento?”

Il Signore Krishna rispose: “Oh custode di questo pianeta terrestre, sarò lieto di raccontare di un meraviglioso evento storico che il deva Brahma una volta raccontò a suo figlio Narada Muni. Un giorno Narada Muni chiese a suo padre:”

Qual’è il nome della Ekadasi che arriva durante la parte luminosa del mese di Ashadha?Gentilmente dirmi come devo osservare questa Ekadasi e quindi come soddisfare il Signore Supremo Vishnu.”

(Krishna a Yudhishthira Maharaja): “Brahma rispose:”

(Brahma a Narada Muni): “Oh grande santo oratore, o migliore di tutti i saggi, Oh puro devoto di Vishnu, la tua domanda è come al solito eccellente per tutta l’umanità. Non c’è niente di meglio di Ekadasi, il giorno del Signore Hari, in questo o qualsiasi altro mondo. Esso annulla anche i peggiori peccati, se osservato correttamente. Per questo motivo ti dirò su questo Ashadha-shukla Ekadasi.

Il digiuno in questa Ekadasi purifica uno di tutti i peccati e soddisfa tutti i desideri. Pertanto, chi trascura di osservare questo sacro giorno di digiuno è un buon candidato per entrare in un inferno. Ashadha-shukla Ekadasi è anche famosa come Padma Ekadasi. Proprio per soddisfare il Supremo Signore Vishnu, si dovrebbe digiunare in questo giorno. Ascolta con attenzione, Oh Narada, che ti riferisco un meraviglioso evento storico che è stato registrato nelle Scritture riguardo a questa Ekadasi. Solo sentire questo racconto distrugge tutti i tipi di peccati, insieme a tutti gli ostacoli sulla via della perfezione spirituale.
Oh figlio, c’era una volta un re santo nella Surya Vamsha (dinastia del Sole), il cui nome era Mandhata. Perché sempre per la verità, venne nominato imperatore. Si prese cura dei suoi sudditi come se fossero membri della sua stessa famiglia e dei bambini. A motivo della pietà e di grande religiosità,nel regno di Re Mandhata non c’era la peste,
siccità, o malattia di qualsiasi genere in tutto il suo regno. Tutti i suoi sudditi erano molto ricchi.

Una volta, però, a causa di qualche peccato nel suo regno, ci fu una siccità per tre anni ed i sudditti si trovarono afflitti dalla fame. La mancanza di grani da mangiare rese impossibile per loro eseguire il culto rituale prescritto. Infine, andarono tutti dal loro amato Re in una grande assemblea e gli dissero queste parole:”

(Sudditi a Re Mandhata): “Oh re, provvedi sempre al nostro benessere, così chiediamo umilmente il tuo aiuto ora. Tutti e tutto in questo mondo ha bisogno di acqua. Senza acqua, quasi tutto è reso inutile o morto. Nella sua forma di nuvole, il Signore Supremo è presente in tutto il cielo e riversa piogge, da cui si sviluppano i grani che mantengono ogni essere vivente. Oh migliore regnate sulla Terra, ti preghiamo di trovare delle soluzioni a questo problema e di condurci alla pace e prosperità, ancora una volta.”

(Re Mandhata ai suoi sudditi): “Dalla pioggia cresce il grano che ci mantiene. Sei triste in quanto si è senza pioggia, capisco il tuo dolore, ma dopo aver cercato il mio passato e presente posso onestamente dire che non trovo nessun peccato. Ancora, per la bene di tutti voi sudditi, cercherò di porre rimedio alla situazione.”

(Brahma a Narada Muni): “Pensando in questo modo, il Re Mandhata assemblò il suo esercito ed entourage ed iniziarono a vagare alla ricerca di grandi saggi nei loro Ashram per indagare su come risolvere la crisi nel regno. Alla fine
Re Mandhata capitò all’ashram di Angira Muni, il cui splendore illuminava tutte le direzioni. Seduto nel suo eremo, Angira sembrava un secondo Brahma. Re Mandhata fu molto contento di vedere quei saggi esaltati, i cui sensi erano completamente sotto controllo. Il Re, smontò da cavallo e offrì subito il suo rispettoso omaggio ai piedi di loto di Angira Muni. Allora il Re unì i palmi delle mani e pregò per le benedizioni del Muni. Quella persona santa ricambiò benedicendo il Re con mantra sacri. Poi gli chiese riguardo il benessere del suo regno.

Poi Angira Muni chiese al Re perché avesse intrapreso un tale difficile cammino nella foresta ed il Re gli disse della
siccità di cui il suo regno era affetto. Il Re disse:”

(Re Mandhata ad Angira Muni): “Oh grande saggio, governo e mantengo il mio regno seguendo le ingiunzioni vediche, quindi non so il motivo della siccità. Per risolvere questo mistero, ti ho avvicinato per chiedere aiuto. Aiutami per favore
ad alleviare le sofferenze dei miei soggetti.”

(Brahma a Narada Muni): “Angira Rishi disse al re:”

(Angira Muni a Re Mandhata): “L’epoca attuale, Satya Yuga, è il meglio di tutte le età, perché in questa età Dharma sorge su tutte e quattro le zampe (Verità, Austerità, Misericordia e pulizia). In questa età tutti rispettano i bramini come i più alti membri della società. Inoltre, ognuno adempie ai suoi doveri professionali e solo i nati due volte (Bramini) sono autorizzati ad eseguire austerità vediche e penitenze.
Anche se questo è uno standard, Oh leone tra i Re, c’è un Sudra che in violazione di legge esegue riti di austerità e penitenza nel tuo regno. Questo è il motivo per cui non vi è alcuna pioggia nel vostro paese. Dovresti quindi punire questo operaio con la morte, così facendo si vuole rimuovere la contaminazione inflitta con le sue azioni e riportare la pace per i tuoi sudditi.”

(Brahma a Narada Muni): “Il Re allora rispose:”

(Re Mandhata ad Angira Muni): “Come posso uccidere un esecutore di reato solo perché impegnato in austerità e sacrificio? Per favore dammi qualche soluzione spirituale.”

(Brahma a Narada Muni): “Il grande saggio Angira Muni poi disse:”

(Angira Muni a Re Mandhata): “Oh Re, si dovrebbe osservare un digiuno per la Ekadasi che si verifica durante la quindicina chiara del mese di Ashadha. Questo giorno di buon auspicio è chiamato Padma Ekadasi e dalla sua influenza, piogge abbondanti e quindi cereali e altri prodotti alimentari sicuramente torneranno nel tuo regno. Questa Ekadasi conferisce perfezione sui suoi osservatori fedeli, rimuove tutti i tipi di cattivi elementi e distrugge tutti gli ostacoli sulla via della perfezione. Oh Re, tu, i tuoi parenti ed i tuoi sudditi dovreste osservare questa sacra Ekadasi con un digiuno. Poi tutto nel tuo regno senza dubbio tornerà normale.”

(Brahma a Narada Muni): “Sentendo queste parole, il Re offrì i suoi omaggi e poi tornò al suo palazzo. Quando Padma Ekadasi arrivò, Re Mandhata riunì tutti i Bramini, Kshatriya, Vaishya e Sudra nel suo regno e li istruì a rispettare rigorosamente questo importante giorno di digiuno. Dopo aver osservato il digiuno, come il saggio aveva predetto,  le piogge caddero nuovamente e nel corso del tempo ci furono abbondanti raccolti e un ricco raccolto di grano. Per la misericordia di Dio il Supremo Signore Hrishikesha, il maestro dei sensi, tutti i sudditi del Re Mandhata diventarono estremamente felici e prosperi.
Pertanto, Oh Narada, tutti dovrebbero osservare questo digiuno di Ekadasi molto strettamente, perché conferisce sul devoto fedele tutti i tipi di felicità, così come la finale liberazione.”

Il Signore Krishna concluse:

(Krishna a Yudhishthira Maharaja): “Mio caro Yudhishthira, Padma Ekadasi è così potente che se uno solo legge od ascolta le sue glorie, diventa completamente senza peccato. Oh Pandava, chi desidera compiacerMi dovrebbe osservare strettamente questa Ekadasi, che è conosciuta anche come Deva-sayani Ekadasi.
Deva-sayani, o Vishnu-sayani, indica il giorno in cui il Signore Vishnu va a dormire con tutti i deva.

È stato detto che dopo questo giorno di Ekadasi, non si devono effettuare altre auspiciose cerimonie fino a Devotthani Ekadasi (Haribodhini, Probodhini, Utthana Ekadasi), che ricorre durante il mese di Kartika (Ottobre-Novembre), perché i deva essendo addormentati, non possono essere invitati nell’arena sacrificale e perché la posizione del Sole varia con le stagioni ed in questo periodo si sposta al Sud (Dakshinayanam).”

Il Signore Krishna continuò:

(Krishna a Yudhishthira Maharaja): “Oh leone tra i Re, Yudhishthira Maharaja, chiunque voglia la liberazione, dovrebbe osservare con regolarità il digiuno per questa Ekadasi che è anche il giorno in cui inizia il digiuno di Chaturmasya.

Così termina la narrazione delle glorie di Ashadha-shukla o Padma o Deva-sayani Ekadasi dal Bhavishya-uttara Purana.

Se questa pagina ti è stata utile, allora condividila!